Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

 Taccalit (Attaccabrighe). Dallo spettacolo Marcia film di e con Dome Bulfaro, regia Enrico Roveris

Zanirato2011

 

lus possa

a l’ipermarket te sentet no

quella lus stracca morta de ciciarà

e la cittàa al led la capiss pù nient

de quel che se disen i navili e la luna.

duu vegg picchen sul tavol

e se vusen dedrèe tuscoss

per ona briscola mutta

perduda malament

perché el soci la g’ha segnà no l’ass

e adess hinn lì taccà al plafon

cont el pel e contrappel drizz.

trì fiœu de nissun

cont la lus de l’Iphone

che ghe s’ciarissen el faccin

hinn lì al tavol ‘me pan poss,

ordinà, nissun cavell che fiada,

nissun polaster che spuzza,

quant hinn lì al tavol de milan

‘me lus possa.

mi vœuri no morì

de lus possa

 

 

luce rafferma

al supermarket non si sente

quella luce stranca morta di chiacchierare

e la città al led non capisce più niente

di quello che si dicono i navigli e la luna.

due vecchi picchiano sul tavolo

e si gridano dietro di tutto

per una briscola muta

perduta malamente

perché il socio non gli ha segnato l’asso

e adesso sono artigliati al plafone

con pelo e contropelo dritto.

tre figlioletti di nessuno

con la luce dell’Iphone

che gli schiarisce il faccino

sono lì al tavolo come pane raffermo,

ordinati, nessun capello che fiata,

nessun pollastro che puzza,

quanti sono lì al tavolo di milano

come luce marcia.

io non voglio morire

di luce marcia