Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

DomeBulfaroZambonExhibition 36

 

Nelle due personali del 2005 intitolate “La quotidiana inclinazione del piano” (Galleria Diecidue! Milano – Profondo Rosso, Monza), attraverso un immaginario composto da miriadi di omini e oggetti domestici (caffettiere, fòn, scope), ho messo in scena il nostro quotidiano vivere in bilico. I disegni rivelano complessi scenari, macrostorie dentro cui si svelano microstorie, in alcuni casi così microscopiche da poterle vedere solo con una lente d’ingrandimento.

Protagonisti e comparse spesso si muovono all’interno di scale di valori e percezioni spazio-temporali diverse, all’interno di una dinamica più grande di loro.

Bulfaro lavora con mezzi ridotti ai minimi termini: una matita, uno stecco di fusaggine, inchiostro, ricerca l’essenziale, riduce i colori al bianco e al nero, guardando al disegno orientale, di derivazione zen, e alle ricerche del novecento sviluppatesi in questa direzione. (dal Comunicato Stampa, 2005)