Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

 

scrivere con cura IMG 4064

 

Giorno di sole coi saggi di Melbourne

                                     Coasit, lunedì 3 settembre 2012

                                     

possano queste parole scaldare

come un mantello, comporti una maglia,

leggile quando tu avrai male o freddo

si stringeranno a te come famiglia

 

Dopo aver dialogato con 14 anziani italiani del Coasit di Melbourne, ho composto questo testo poetico e realizzato il suo packaging, con finalità terapeutiche, di aiuto alla riarmonizzazione, tenendo conto di 12 aspetti (qui vi riporto i primi 5).

Ricordo che siamo stati molto bene insieme. Abbiamo parlato di cosa ci mancasse di più. Ho iniziato io a parlare dei miei vuoti poi, uno ad uno, si sono aperti loro raccontando cosa gli mancasse di più. Nonostante vivessero sempre a contatto, i 14 anziani non avevano mai condiviso così profondamente, tutti insieme, le loro mancanze individuali. Due nostalgie si sono palesate comuni a tutti: Famiglia e Italia. Da queste due parole è nato l’oggetto poetico, un memorandum emotivo, una sorta di menù da ristorante, personalizzato, portatore di conforto e ricordo di un’esperienza positiva unificante.

1- Il ritmo della poesia composta è funzionale ad una melodia armoniosa.

2- I versi evitano sonorità contrastanti, privilegiando parole con le emme, le enne, le elle.

3- I versi sono tutti endecasillabi, come nella migliore tradizione della poesia e della lingua italiana

4- Il testo è breve per poterlo stampare leggibile anche su un formato cartolina (gli anziani, spesso, vedono poco e male)

5- La poesia è di immediata comprensione

6- …